Dormivano…

E tutti quelli dall’animo corrotto lottavano tra loro con il pretesto di essere in possesso dei migliori “spaghi d’oro”.
E tutti s’illudevano acclamando quel burattino, e questo parlava, parlava e parlava.
E tutti elogiavano l’ascesa di un falso eroe, pronto a sacrificarsi per un popolo. Per tutti. Per la massa.
E tutti ignoravano dentro di loro la voce che chiedeva il “perchรฉ”.

Tutti – sapevano che era un modo per realizzare se stessi
Tutti – sapevano che era auto-convinzione
Tutti – arroganti mentivano
Tutti – dormivano.

Annunci

Verrร  a salvarmi

Luce, in fondo che mi acceca. Chiudo gli occhi e subito li riapro, ma ora solo profonda oscuritร .
Nuoto verso quel punto bianco che di colpo mi appare. All’improvviso mi accorgo che non ce nulla.
Mi rendo conto che la mia convinzione era tanta da farmi vedere quello in cui credevo.
Sono solo…
Devo tenere i nervi fermi per resistere, prima o poi qualcuno, verrร  a salvarmi.

Punizione

Cosa รจ che ci regola, i casi e le cause di vita. No.
Siamo noi, la nostra soggettivitร  a dare un senso a tutto, il nostro potere. Eppure รจ un paradosso ma questa libertร  รจ l’unica cosa che ci rende non liberi, come degli schiavi. Beati ovviamente all’interno di una cella, li si che siamo liberi, ma quando e se ci accorgiamo che siamo qui dentro cosa succede?
Non facciamo altro che passare tutta la vita qui dentro o qui dietro, per come si voglia intendere, le sbarre di una immensa prigione di cui noi siamo gli stessi artefici (in modo inconscio ovviamente, chi vorrebbe stare al buio per sempre?).

Il Mondo, una grande illusione, e perchรฉ? Beh l’abbiamo voluto noi, siamo dalla natura sadica, disonesta e soprattutto stupida, pensiamo di “essere” separati l’uno dagli altri, o siamo tutti un’ unica realtร ? Noi crediamo nella prima opzione, ed รจ questo che ci frega e ci mette in catene, siamo dei dannati arrabbiati l’uno contro l’altro semplicemente perchรฉ quell'”altro” vogliamo sovrastarlo, ma si puรฒ scavalcare se stessi.

E la nostra punizione รจ questa, scontare una lunghissima e interminabile pena per aver odiato immensamente noi stessi per un motivo al quanto futile.